Anche AICS Tunisi al CODEWAY per valorizzare interventi sulla governance locale in Libia

Una tre giorni di eventi internazionali dedicati a cooperazione, sviluppo e sostenibilità con un focus specifico sul ruolo giocato dalle imprese. È CODEWAY, la manifestazione fieristica italiana che crea spazi di confronto tra soggetti pubblici, OSC e aziende. Quest’anno l’appuntamento è dal 18 al 20 maggio e vede coinvolta in prima linea anche l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo con uno stand espositivo e rappresentanti della sede centrale e delle sedi estere che parteciperanno ai diversi panel.

In calendario anche l’intervento della Vice Titolare della Sede regionale di AICS Tunisi, competente per la Tunisia, la Libia, il Marocco e l’Algeria. Annamaria Meligrana parteciperà a due eventi sulla governance locale e il coinvolgimento degli enti territoriali italiani in iniziative di cooperazione internazionale. Il primo, dal titolo “Il decentramento amministrativo in Libia: L’azione italiana a supporto delle Municipalità Libiche nell’implementazione di nuovi servizi ai cittadini”, organizzato dall’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI), si è tenuto il 19 maggio alle 10.30. All’indomani, Annamaria Meligrana interverrà nell’evento “La Nicosia Initiative quale strumento di cooperazione tra le amministrazioni locali del progetto REBUILD: il modello italiano delle autonomie per un ponte tra Provincia Autonoma di Trento, Regione Friuli-Venezia Giulia e le municipalità in Libia“, organizzato dal Coordinamento delle Regioni e Province Autonome nell’ambito di due iniziative finanziate da fondi europei, REBUILD e TAMSALL, che vedono la partecipazione della Provincia di Trento, della Regione Friuli Venezia Giulia e della Regione Emilia Romagna.

Grazie alla nuova legge 125/2014 sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo, i comuni, le province autonome e le regioni italiane hanno assunto un ruolo sempre più attivo in partenariati oltre frontiera con l’obiettivo di mettere a disposizione expertise e conoscenza.

In Libia, ad esempio, operano in maniera sinergica con la società civile e le organizzazioni internazionali a supporto delle municipalità libiche, il cui ruolo nella stabilizzazione del Paese è determinante. Il processo di decentralizzazione statale, acceleratosi negli ultimi anni a causa dell’instabilità politica ed economica, ha infatti rafforzato il ruolo delle municipalità nel fornire servizi di base alla popolazione, grazie anche alla legittimazione ottenuta tramite le elezioni comunali degli ultimi anni.

Fra i principali risultati conseguiti dagli interventi di AICS, per esempio nell’ambito programma Baladiyati (dall’arabo “la mia municipalità”), finanziato dall‘Unione europea attraverso il Fondo Fiduciario di Emergenza per l’Africa, oltre 2350 operatori delle strutture erogatrici dei servizi sono stati formati nei settori della salute, igiene, educazione e prevenzione COVID 19; equipaggiamenti medici, materiali e medicine sono stati forniti a beneficio di 49 strutture sanitarie e 5 strutture WASH; 30 strutture mediche e 19 scuole sono state riabilitate con lavori infrastrutturali.

La necessità di favorire il decentramento, rafforzando le capacità di risposta nazionale e locale, rimane un obiettivo importante per la comunità internazionale e per l’Italia che, come ben sappiamo, riveste un ruolo di primo piano nel processo di stabilizzazione della Libia.

Negli ultimi anni di lavoro, la Cooperazione italiana ha confermato e rafforzato l’impegno nel sostenere il decentramento amministrativo, la localizzazione degli aiuti umanitari, il rafforzamento delle capacità di governance e sviluppo locale partecipato, il miglioramento della gestione e dell’erogazione dei servizi di base per i cittadini.

Il lavoro di AICS e dell’intera comunità internazionale in Libia, in particolare dei principali attori europei, a supporto del decentramento e delle municipalità mira al rafforzamento dei processi di stabilizzazione e di promozione della pace nel Paese, anche attraverso azioni volte a migliorare l’accesso ai servizi di base e a rafforzare le competenze dei funzionari locali e dei sindaci (capacity e institution building).

Posted in and tagged , , , , .