Prosegue l’impegno italiano in Libia con il programma dell’Unione europea

L’Unione europea, l’Italia, l’UNDP e l’UNICEF si sono incontrati a Tripoli per il secondo Comitato direttivo del programma “Recovery, Stability and Socio-Economic Development in Libya“, presieduto dal Ministro della governance libico.
Il programma triennale, finanziato dall’Unione europea con 50 milioni di euro nel quadro del Trust Fund per l’Africa, è stato avviato nell’ottobre 2018 e si propone di migliorare le condizioni di vita e rafforzare la resilienza delle popolazioni più vulnerabili in 24 municipalità libiche. L’iniziativa si rivolge ai comuni fortemente interessati dai flussi migratori e dallo sfollamento della popolazione locale, compresi i bambini, puntando a migliorare la fornitura di servizi di base quali la sanità, l’istruzione, l’acqua e i servizi igienico-sanitari.
Formulato congiuntamente dall’Unione Europea e dall’Italia in stretto coordinamento con le autorità nazionali e municipali competenti, il programma è attuato dall’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (AICS), con un budget di 22 milioni di euro, dall’UNDP, con un budget di 18 milioni di euro, e da UNICEF, con un budget di 10 milioni di euro.

Quest’ultimo comitato direttivo ha approvato gli interventi nei restanti 18 comuni, tra i 24 comuni coinvolti. Nella precedente riunione del 29 novembre 2018, il comitato aveva infatti già approvato gli interventi nei primi di sei comuni. I partecipanti a questa riunione hanno ringraziato le autorità libiche e i partner incaricati dell’esecuzione, per la loro stretta collaborazione e il loro impegno costante. Con la conclusione del processo di pianificazione, l’attenzione di tutte le parti si sposta ora verso l’esecuzione degli interventi identificati a livello comunale.
AICS, UNICEF e UNDP hanno ribadito il loro impegno a lanciare immediatamente gli appalti per le opere e i servizi necessari per ogni intervento specifico e avviare attività di sviluppo delle capacità, compresa la formazione del personale delle autorità municipali e centrali.

I partner monitoreranno regolarmente l’attuazione delle attività e aggiorneranno il comitato direttivo con qualsiasi sviluppo pertinente.
Il Ministro della governance locale, SE Milad Taher, ha accolto con favore il sostegno dell’Unione Europea, dell’Italia, dell’UNDP e dell’UNICEF a favore dei Comuni libici e le esigenze della popolazione in questo momento critico. “Migliorare i servizi di base e migliorare le capacità locali sono fondamentali per rispondere alla domanda e alla democrazia dei cittadini e promuovere lo sviluppo socio-economico in Libia. Questo programma è un buon esempio di collaborazione tra il governo libico e la comunità internazionale e si prevede che porterà benefici tangibili alle comunità locali nel prossimo futuro”, ha detto il ministro.

Nel suo intervento, il capo della delegazione dell’Unione europea in Libia, Alan Bugeja, ha sottolineato che il programma riflette lo spirito di solidarietà e di responsabilità condivisa dell’UE e dei suoi partner nel sostenere il percorso di stabilizzazione della Libia. Ha sottolineato che questo programma fornirà un sostegno diretto al miglioramento della fornitura di servizi pubblici chiave alla popolazione locale: “Siamo convinti che le comunità locali svolgano un ruolo chiave nel sostegno alla stabilizzazione in Libia. Con questo programma, stiamo intensificando il nostro lavoro con le municipalità libiche per sostenerle nella fornitura di servizi pubblici tempestivi e di qualità alle persone più bisognose”.

“La comunità internazionale sta lavorando con le autorità libiche per ristabilire lo stato di diritto, fornire ai cittadini libici servizi di base e creare condizioni concrete che consentano una ripresa economica e una stabilità a lungo termine. Le istituzioni locali, e in particolare le municipalità, sono ancora considerate la principale autorità per l’erogazione dei servizi in Libia. Riteniamo fondamentale assistere le municipalità libiche nel migliorare le loro capacità di rispondere alle priorità della popolazione, rafforzando così il loro ruolo a livello locale e collegando questi sforzi a quelli intrapresi a livello centrale. Questo programma migliorerà la vita quotidiana di centinaia di migliaia di cittadini libici in tutto il paese e contribuirà positivamente a ridurre le lacune nella fornitura di servizi di base. Lo stretto impegno con le autorità libiche locali e centrali ha contribuito a creare fiducia e consenso sulle priorità per gli interventi. Allo stesso tempo, la partnership tra i differenti attori del programma è una chiave per il successo di quest’iniziativa”, ha affermato l’Ambasciatore italiano a Tripoli, SE Giuseppe Buccino.

“L’UNDP è impegnato ad aiutare le autorità locali a fornire supporto alle comunità intorno alla Libia, specialmente alle persone più vulnerabili. Il forte partenariato con l’Unione europea e questo finanziamento ci permettono di raggiungere i comuni a ovest, est e sud del paese in modo che possano migliorare l’accesso a servizi di base di qualità e condizioni di vita per tutte le persone in Libia” ha dichiarato il rappresentante dell’UNDP, Gerardo Noto.

“Tutti i bambini, indipendentemente dalla loro appartenenza etnica o geografia, status e reddito hanno lo stesso diritto di avere accesso a un’istruzione di qualità, servizi sanitari e acqua pulita e potabile. Questo programma fornirà loro l’opportunità di raggiungere il pieno potenziale, indipendentemente dalle circostanze in Libia “, ha dichiarato il Rappresentante dell’UNICEF in Libia, Abdel-Rahman Ghandour.

Posted in .